WordPress ha rilasciato il major update 5.0 Gutenberg, che introduce un nuovo editor e rende obsoleti molti plugin e temi.

WordPress, il software open source più utilizzato per realizzare siti web, un CMS che grazie alla sua alta personalizzazione, consente a milioni di utenti online di creare siti web abbastanza efficienti. Ora siamo arrivati alla major release 5.0, denominata Gutenberg, che porta con sé delle novità molto importanti ed essenzialmente cambia WordPress sotto molti punti di vista.

L’aggiornamento introduce il nuovo editor Gutenberg, che cerca di semplificare la creazione dei layout attraverso una UI basata su blocchi modulari. Per fare questo, il team di WordPress ha implementato nuovi framework, modi di interazione, funzionalità ed esperienze utente. In parole povere, scordatevi il caro vecchio editor a cui siete sempre stati abituati.
Con l’aggiornamento 5.0, Gutenberg viene quindi impostato di default, anche se è possibile tornare alla versione precedente installando il plugin denominato Classic Editor. Tuttavia, le mosse del CMS sono chiare: quest’ultimo software sarà supportato solamente fino al 31 dicembre 2021 e gli utenti saranno quindi costretti a passare, prima o poi, al nuovo editor.

Gutenberg è basato su React, un framework Javascript molto utilizzato, anche da aziende del calibro di Facebook e Instagram. É piuttosto flessibile e dispone di grandi potenzialità, anche grazie all’implementazione di tecnologie moderne come REST API, WebPack, Esnext + o JSX. Per gli utenti di WordPress, il nuovo editor comporta però l’obbligo di imparare a utilizzare il nuovo sistema basato su blocchi.
Per chi utilizza solamente le funzionalità base del CMS, sarà molto semplice capire come funziona Gutenberg, mentre gli sviluppatori che vogliono mettere mano al codice dovranno necessariamente imparare come viene gestito il nuovo editor e questo potrebbe risultare più complesso del previsto.

Una problematica che invece affligge molti utenti è il fatto che la maggior parte dei temi e dei plugin devono ancora essere aggiornati per funzionare con Gutenberg. Questo significa che, al momento, installare la versione 5.0 può causare parecchi grattacapi. Le novità non sono però finite qui: c’è anche il nuovo tema minimal denominato Twenty NineTeen, che ovviamente dispone del pieno supporto a Gutenberg ed è in grado di sfruttare al meglio il nuovo editor. Per vedere quest’ultimo in azione, vi basta collegarvi a questa pagina di prova messa a disposizione dal team di WordPress. Oltre a questo, sono state apportate modifiche minori e correzioni di bug.